Organizzazione dell’esame ETW

Il “Comitato per la certificazione” decide sull’eventuale non ammissione all’esame. Non è ammesso reclamo.

Il numero di partecipanti ad ogni sessione di esame è limitato e predefinito. Il candidato dovrà dotarsi autonomamente dell’attrezzatura e dei DPI necessari allo svolgimento delle prove di potatura in treeclimbing o in piattaforma, conforme alle norme europee sui materiali per il lavoro e sull’antinfortunistica, e di pantaloni antitaglio. Nel corso delle prove, deve inoltre conformarsi alle norme di sicurezza previste a livello nazionale, nonché alla “Guida per operare in sicurezza” pubblicata dall’European Arboricultural Council, cfr. >> EAC Guides

Bibliografia aggiuntiva per i candidati:

L'esame si svolge, di norma, come segue:

  1. Prova scritta
    Verranno predisposte 30 domande a risposta multipla (a questionario) e 8 domande a risposta aperta. L’esame scritto durerà al massimo un’ora.
  2. Lavoro sull’albero
    I candidati devono dimostrare le loro capacità nell'arrampicata (ETW-Climbing), o nel piazzamento di PLE e raggiungimento di vari punti della chioma (ETW-Platform); la prova prevede l’esecuzione di tagli di potatura. Verranno inoltre poste domande sulla sicurezza sul lavoro, sul Pronto Soccorso, sulla stima del peso di porzioni dell’albero, sulla valutazione di stabilità. Le prove vanno eseguite in team di due uomini: uno in pianta e uno a terra, e viceversa, per circa un’ora di tempo. Al termine della prova pratica potrà seguire un breve colloquio con i Giudici sull’andamento della prova stessa.
  3. Dimostrazioni/simulazioni
    Le due dimostrazioni/simulazioni in campo riguarderanno operazioni di consolidamento delle chiome, protezione dell’albero in cantiere edile, abbattimento controllato, uso motosega o altri argomenti inerenti e avranno una durata compresa tra 15 e 30 minuti di tempo ciascuna. Le prove si svolgeranno in contemporanea, con più commissioni formate sulla base delle specifiche competenze dei Giudici, con la contemporanea presenza di almeno due esaminatori per ogni prova, escluso lo scritto.
  4. Prova orale
    I candidati saranno interrogati individualmente sulle materie e gli argomenti oggetto d’esame. La prova avrà una durata massima di 30 minuti.
  5. Riconoscimento
    I candidati dovranno dimostrare la loro conoscenza delle principali specie arboree ed arbustive della loro regione. Dovranno riconoscere almeno 10 su 15 specie proposte. Questa prova è considerata parte dell’esame orale.
  6. Superamento dell’esame e ricertificazione
    Al termine della giornata, ad esame concluso, seguirà un dibattito tra tutte le persone coinvolte sull’andamento della sessione di certificazione. L’esame si considererà superato se la valutazione sarà stata almeno sufficiente in ogni parte dell’esame. Le parti dell’esame che non avranno raggiunto la soglia di sufficienza potranno essere ripetute due volte entro due anni, non prima di tre mesi dopo l’esame non superato. Il Comitato esaminatore potrà fermare immediatamente l’esame di un candidato in caso di gravi errori che possono comportare rischi all’incolumità dell’arboricoltore o del pubblico. In tal caso, l’intero esame sarà considerato fallito.
  7. Validità della certificazione
    Il Certificato di European Treeworker ha validità di 3 anni, al termine dei quali scade, a meno che il candidato possa dimostrare di aver lavorato come ETW, almeno due anni negli ultimi tre precedenti alla scadenza. Sono possibili eccezioni per motivate ragioni. La ricertificazione può essere rifiutata per motivate ragioni (lavoro non sicuro, scarsa professionalità o condotta).

Esami:

ETW (European tree worker)

a Monza - La Guastalla:

sabato 09 dicembre 2017

 

 

ad Assisi - Fontemaggio:

sabato 16 settembre...

ETT (European tree technician)

a Monza - La Guastalla:

10 + 11 novembre 2017

 

 

I primi certificati ETT in Italia:

 

Abbiamo lavorato bene - dice, con soddisfazione, Valentin Lobis, responsabile dell'esame ETT e presenta i primi certificati in Italia.

 

Nella foto i 13 partecipanti della 1° sessione ETT in Italia (2010) con il supervisore dell’EAC Christian Nellen ed i 4 esaminatori: Valentin Lobis (coordinatore), Ivonne Califano, Luigi Delloste e Paolo Casagrande